Esperienza apostolica delle Sorelle del Seminario con i bambini di strada al Centro Intiganda

estagioapostolocio.1[Province del Centro Africa] Il Centro Intiganda (1) è un centro dei Fratelli delle Scuole Cristiane, che accoglie i bambini e i giovani che vivono per le strade e altri giovani in difficoltà, quelli socialmente svantaggiate.

Il documento del Sinodo africano ha dichiarato che, “La famiglia è il santuario della vita e una cellula vitale della società e della Chiesa. E ‘qui che le caratteristiche di un popolo prendono forma; è qui che i suoi membri acquisiscono gli insegnamenti fondamentali. Essi imparano ad amare in quanto sono amati gratuitamente, imparano il rispetto per gli altri in quanto sono rispettati, imparano a conoscere il volto di Dio in quanto ne ricevono la prima rivelazione da un padre e da una madre piena di attenzione a loro riguardo. Ogni volta che queste esperienze fondamentali sono carenti, la società nel suo complesso soffre violenza e diventa, a sua volta, generatrice di maggiori violenze. “Africae Munus n ° 42. Noi crediamo nella realtà di queste parole soprattutto nel mondo di oggi. Durante la nostra esperienza al Intiganda Centro abbiamo scoperto che molti bambini lasciano la loro famiglia a causa di problemi quali: il conflitto genitoriale, la povertà, i genitori che sono separati o deceduti, e anche, a volte, i genitori che cacciano via i loro figli. Tutti questi problemi portano i bambini a scendere in strada in cerca di pace, protezione, libertà, vita, ecc Al Centro Intiganda, i fratelli e lavoratori laici sono lì per aiutare questi bambini, come chiedeva san Giovanni Paolo II nella sua Esortazione Apostolica Ecclesia in Africa, “E ‘pertanto necessario aiutare i giovani a superare gli ostacoli che frenano il loro sviluppo:. analfabetismo, l’ozio, la fame, la droga” (n ° 93).

Fu così che anche noi abbiamo condiviso con i bambini le loro faccende presso il Centro, come spazzare, fare pulizie, giardinaggio, ecc.  Abbiamo condiviso la preghiera insieme e insegnato loro preghiere, inni, giochi, etc. Abbiamo parlato insieme e ascoltato e ha dato loro consigli per non tornare in strada. Le loro sofferenze ci hanno toccato, essi hanno visto e vissuto cose che non dovrebbero mai arrivare a vedere o sperimentare da bambini. Hanno trascorso notti in strada, nei cimiteri, sotto i ponti e hanno dovuto pensare a tutto per prendersi cura di se stessi. Nonostante quello che hanno vissuto, i loro volti sono felici grazie alla loro formazione presso il Centro. Hanno sete di conoscere Dio e di altre conoscenze intellettuali. Ci sono quelli che vengono per andare a scuola o per prepararsi ad andare a scuola: primaria, secondaria, scuola professionale e per reintegrarsi nelle loro famiglie.

Ci hanno evangelizzate con la loro pazienza, gioia, comprensione reciproca e il loro perdono. Sappiamo che hanno bisogno di essere ascoltati per la guarigione delle loro ferite. Noi li teniamo nel nostro cuore e anche nella nostra preghiera per le famiglie di oggi.

Grazie, Signore, per questo tempo benedetto ci ha donato la Comunità.

Le suore del seminario sull’esperienza Apostolica

Intiganda (1): Nella lingua Kinyarwanda significa “quelli con le risorse,” il nome del centro motiva i bambini.

 estagioapostolocio.2

Views: 1.722