Chiusura del centesimo anniversario della scuola Huerta de la Cruz – Algeciras

[Provincia Spagna Sud] Il 20 gennaio c’è stata la cerimonia di chiusura del centesimo anniversario della scuola Huerta de la Cruz. Questo evento è stato la conclusione di un anno di celebrazioni che ha  reso omaggio a tutti coloro che sono stati un riferimento educativo nel Centro ad Algeciras.

Alle ore 12.00 è iniziata l’Eucaristia presieduta da D. Juan Angel Garcia Álvaro, l’insegnante di Religione del Centro e D. Manuel Muñoz Ríos, Salesiano, Parroco di Maria Ausiliatrice e San Isidro.

Dopo il canto d’ingresso, mentre veniva letto il monito d’ingresso, alcuni bambini piccoli, con dei fiori, formavano il logo della Scuola. Si è fatto memoria della storia con un atteggiamento riconoscente, consapevoli che questi 100 anni di presenza vincenziana ad Algeciras sono stati per la promozione e la formazione integrale degli studenti che hanno potuto vivere in modo dignitoso, collaborando nella società in cui vivono senza perdere di vista i valori cristiani e vincenziani che continueranno a perseguire.

Il Vangelo ci ha ricordato che dovremmo essere “sale e luce”, quindi, essere aperti, accoglienti e attenti ad incontrare gli altri, specialmente quelli dimenticati dalla società. Questo posto è stato per tutto il tempo una casa di carità, di amore e di evangelizzazione attraverso laboratori, un collegio, un guardaroba per le persone in stato di necessità, una scuola di economia domestica per madri … L’opera è iniziata con 50 studenti, ma presto i bambini che sono passati di qui si sarebbero contati in centinaia e oggi in migliaia.

Rendiamo grazie a Dio perché ha voluto che fossimo presenti qui nella città attraverso questa Comunità che ha trasmesso il carisma vincenziano caratterizzato dalla scelta dei poveri, e dalle opere di carità umili e costanti… Le Sorelle hanno unito la loro vocazione alla formazione attraverso la catechesi, l’aiuto ai vicini più svantaggiati, la collaborazione con la mensa della Caritas, procurando appartamenti alle donne per la loro autonomia e il loro sviluppo, e con la visita ai carcerati. La loro presenza è, come indica il Vangelo, luce e sale nel mondo che, senza fare rumore, in silenzio e umilmente, apparentemente insignificanti, ma costanti e dinamiche, sono state fermento nella massa capaci di trasformare ogni cosa. Cento anni ci invitano a un ricordo riconoscente, ma cento anni ci invitano anche a riconoscere che, indipendentemente da quanto sia stato fatto, c’è ancora molto da fare per soddisfare le risposte del nostro mondo, della nostra città e delle nostre famiglie.

Nel momento del ringraziamento abbiamo iniziato a scoprire un mosaico della Madonna della Medaglia Miracolosa, realizzato per un evento così speciale, così con la costante protezione della Madonna abbiamo chiesto a Dio di continuare ad adempiere al desiderio che ha portato San Vincenzo de ‘Paoli e Santa Luisa di Marillac a lavorare per il Regno di Dio nell’educazione, aiutando le persone ad aprire percorsi per la vita umana e cristiana … costruendo insieme, per il bene della società e delle nostre anime.

Oggi, non solo abbiamo ricordato il passato e abbiamo guardato al presente, ma pensiamo anche al futuro. Rianimiamo l’entusiasmo e apriamoci con generosità per continuare ad educare ed evangelizzare all’interno del carisma vincenziano, affrontando nuove sfide, nuovi progetti secondo le situazioni e le esigenze del mondo di oggi. Infine, abbiamo condiviso un pasto semplice e fraterno e siamo stati invitati a ricordare che oggi, 100 anni dopo, tutti noi che facciamo parte della Scuola Huerta de la Cruz, continuiamo a contribuire con i nostri sforzi e il nostro impegno affinché il Centro continui a contribuire alla formazione e alla cura delle generazioni presenti e future e questo angolo accattivante, che rimane un bellissimo fiore che abbellisce il Campo di Gibilterra.

Views: 1.246