Primo turno di colloqui prima della conferenza delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile

Suor Germaine Price, rappresentante della Compagnia delle Figlie della Carità all’ l’ONU, ci comunica le notizie da New York:

Alla fine di gennaio, i delegati delle Nazioni Unite, gli Stati membri e le organizzazioni della società civile si sono riuniti per tre giorni per deliberare sulla bozza del documento finale della conferenza delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile, che si terrà nella città brasiliana di Rio de Janeiro nel mese di giugno.

” È incoraggiante notare che il documento chiamato «progetto zero » è considerato un punto di partenza per le negoziazioni”, ha dichiarato Sha Zukang, Segretario generale della conferenza delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile (Rio +20), alla fine delle discussioni presso la sede delle Nazioni Unite. ” Abbiamo bisogno di mantenere un ritmo sostenuto, se vogliamo completare i negoziati il più presto. Abbiamo bisogno di presentare ai leader del mondo e alle persone, un risultato che farà la differenza nel nostro comune impegno per raggiungere un futuro sostenibile – un futuro che tutti auspichiamo”.

Questa riunione informale è la prima di quattro altre sessioni di colloqui a marzo, aprile, maggio e giugno in preparazione de Rio +20, il 20-22 giugno.

M. Sha ha detto che i governi dovrebbero avere progetti ambiziosi, orientati verso l’azione, e assicurare la trasparenza dei conti. ” Non dobbiamo tornare dall’incontro di Rio e dimenticare subito i nostri impegni, ” Ha detto, aggiungendo che un metodo sicuro, per rendere chiaro il documento finale, dovrà garantire l’attuazione pratica degli impegni. Ha detto che occorre prendere ” decisioni che mostrano al mondo che non scherziamo, e che le nostre decisioni sono serie”.

Il documento «progetto zero» è stato pensato a partire da più di 6000 pagine di comunicazioni degli Stati Membri, le organizzazioni internazionali e i gruppi della società civile, attraverso un processo aperto, trasparente e partecipativo, durato mesi.

Sulla base di tre giorni di commenti e suggerimenti, M. Sha ha presentato un breve elenco di “ciò che deve essere” Rio +20.

Gli obiettivi dello sviluppo sostenibile, ha detto, potrebbero essere uno dei più importanti contributi della riunione di Rio +20. Da qui al 2015, gli obiettivi devono essere definiti da un calendario chiaro e un preciso orientamento per la costruzione di economie verdi adeguate alle circostanze nazionali.

Per maggiori informazioni sulla Compagnia delle Figlie della Carità all’ONU: www.cmdcngo.org

Views: 1.708