Testimonianza

DSC03015

Dopo aver trascorso diversi anni in una comunità nel sud della Francia, sono arrivata alla Casa Madre nel 2007, dove vivo con le Suore anziane nella comunità di San Giuseppe. Un nuovo periodo della mia vita è cominciato, sicuramente l’ultimo.

Dopo una vita “iperattiva”, avevo un po’ paura di non avere più delle attività e di vivere al rallentatore. Fin dai primi giorni, mi sono resa conto che mi ero davvero sbagliata!

Siamo una comunità di 35-40 Suore che hanno dai 75 ai100 anni, provenienti dalla missione “ad gentes” o da una missione presso la Casa Madre.

Ho subito cominciato ad insegnare il francese a Sorelle straniere, e dopo un periodo di adattamento ho trovato il dinamismo e la semplicità, caratteristiche delle nostre comunità delle Figlie della Carità.

Fin dalle prime ore del mattino, due o tre Sorelle vanno all’ufficio dell’accoglienza della Cappella a ricevere e ascoltare le persone che desiderano parlare con noi. Altre Sorelle si occupano delle intenzioni della Messa o sono impegnate per rispondere a varie telefonate. Molte Suore mettono le medaglie in buste di plastica, queste medaglie raggiungono ogni giorno il mondo intero. Altre Sorelle rispondono alle molte lettere che vi arrivano.

Tuttavia, il servizio principale della nostra comunità di Suore anziane rimane la preghiera. Incontri comunitari, l’ora della preghiera e l’ufficio delle ore nella nostra piccola cappella segnano la nostra vita. Abbiamo la possibilità di essere collegate alla Cappella della Medaglia Miracolosa, al fine di essere unite, attraverso la preghiera, con i pellegrini.

Le celebrazioni liturgiche o comunitarie sono un’opportunità per delle belle celebrazioni e per incontri gioiosi e fraterni. Le celebrazioni dei giubilei delle Suore, 60 o 70 anni di fedeltà alla loro vocazione, sono una meravigliosa testimonianza di amore nel corso del tempo. Inoltre, non pensate che non ci muoviamo! Viene organizzato un viaggio annuale, a cui la grande maggioranza delle Suore partecipa: si visita, si mangia fuori, si condivide nella gioia…

Momenti di relax della comunità portano le notizie del giorno trasmesse da radio, televisione o internet. Una biblioteca è a disposizione e abbiamo l’opportunità di trarre profitto dalle conferenze fatte alle Suore della Casa Madre. Le visite che le varie Suore ci fanno, ci permettono di conoscere le notizie dai paesi da cui arrivano. Tutto è interessante e ci permette di rimanere in contatto con il mondo e preghiamo per questo.

Infine, una volta alla settimana si partecipa ad un laboratorio “memoria”, al fine di mantenere questa così preziosa e fragile abilità della nostra età. Abbiamo anche la possibilità di fare ginnastica dolce per rilassare le nostre articolazioni che portano il peso degli anni!

La mia testimonianza sarebbe incompleta se non parlassi delle nostre Sorelle ammalate o disabili a causa della loro età. Con quale attenzione, delicatezza e competenza siamo trattate dalle nostre Suore infermiere!

Come si può vedere, non manca nulla nella nostra comunità di Suore anziane. E’ un’oasi di pace, dove possiamo vivere gli ultimi anni della nostra vita nella carità fraterna, che ci prepara per il grande incontro con Cristo che abbiamo servito nei poveri.

Una Suora della Comunità di San Giuseppe