Riflessione apsotolica con San Vincenzo de Paoli

<p style=”text-align: center;”><strong><span style=”text-decoration: underline;”><a href=”http://filles-de-la-charite.org/download/34967/”>SCARICA PDF</a></span></strong></p>

<p style=”text-align: justify;”>Dagli statuti delle Figlie della Carità leggiamo: “La riflessione apostolica in comune su avvenimenti e situazioni relativi al servizio dei poveri permette alle Suore di discernere meglio ciò che Dio domanda loro.”(S 11).</p>

<p style=”text-align: justify;”>Lasciamo che le parole di San Vincenzo ci spingano ad osare, per inventare nuovi modi di servire; per incontrare Cristo nei poveri, negli esclusi, in coloro che si trovano nelle periferie. Attraverso la riflessione apostolica cerchiamo di discernere quello che occorre fare per essere ancora più vicine ai nostri fratelli e sorelle che sono veramente poveri.</p>

<table width=”756″>

<tbody>

<tr>

<td width=”348″> <a href=”http://filles-de-la-charite.org/wp-content/uploads/2014/10/Focus_09.2016_1.jpg”><img class=” wp-image-34851 aligncenter” src=”http://filles-de-la-charite.org/wp-content/uploads/2014/10/Focus_09.2016_1-300×235.jpg” alt=”Focus_09.2016_1″ width=”338″ height=”265″ /></a></td>

<td width=”408″>

<p style=”text-align: justify;”><strong>Riflessione: </strong>Vincenzo ha percepito la voce di Cristo solo quando si è scontrato con una dolente umanità di poveri, di gente affamata e desiderosa di pane e parola. Vedendo i poveri ha incontrato Cristo. Ha visto Cristo nel suo “contrario”.</p>

<p style=”text-align: justify;”><strong>Citazione</strong>: Osserviamo il Figlio di Dio; oh! qual cuore caritatevole! qual fiamma d’amore! … vi è un amore simile? Ma chi potrebbe amare in un modo tanto eccelso? Non c’è che Nostro Signore (Coste, (XII, 264s.).</p>

<p style=”text-align: justify;”><strong>Preghiera: </strong>O Salvatore e mio Dio, fateci la grazia di guardare queste cose con il medesimo occhio con il quale le guardate Voi! (conferenza ai CM del 6 dicembre 1658)</p>

</td>

</tr>

<tr>

<td width=”348″><a href=”http://filles-de-la-charite.org/wp-content/uploads/2014/10/Focus_09.2016_2.jpg”><img class=” wp-image-34852 aligncenter” src=”http://filles-de-la-charite.org/wp-content/uploads/2014/10/Focus_09.2016_2-300×231.jpg” alt=”Focus_09.2016_2″ width=”330″ height=”254″ /></a></td>

<td width=”408″>&nbsp;

<p style=”text-align: justify;”><strong>Riflessione: </strong>Per il Santo della carità l’Incarnazione è all’origine di una nuova relazione con il Cristo e con l’uomo, di uno specie di slancio vitale….</p>

<p style=”text-align: justify;”><strong>Citazione</strong>: <em>se avessimo un poco di questo amore, rimarremmo con le braccia conserte? Lasceremmo perire coloro che potremmo assistere? Oh! no, la carità non può rimanere oziosa, essa ci spinge a procurare la salvezza e il sollievo altrui »</em> (Coste XII, 264s.)</p>

<p style=”text-align: justify;”><strong>Preghiera</strong>: guarda a noi, o Dio, e aiutaci a rimanere in Cristo, per amare, servire e vivere con coloro che sono più poveri, e insieme andare verso le periferie del mondo.</p>

</td>

</tr>

<tr>

<td width=”348″> <a href=”http://filles-de-la-charite.org/wp-content/uploads/2014/10/Focus_09.2016_3.png”><img class=” wp-image-34853 aligncenter” src=”http://filles-de-la-charite.org/wp-content/uploads/2014/10/Focus_09.2016_3-223×300.png” alt=”Focus_09.2016_3″ width=”333″ height=”448″ /></a></td>

<td width=”408″>&nbsp;

<p style=”text-align: justify;”><strong>Riflessione: </strong>Noi, amando Cristo, veniamo modellati su di Lui, aderiamo a Lui, e quindi siamo messi in condizione di amare come Lui, evangelizzatore dei Poveri.</p>

<p style=”text-align: justify;”><strong>Citazione</strong>: Dio ama i poveri e per conseguenza ama coloro che amano i poveri perché quando si ama molto una persona si sente affetto anche per i suoi amici e per i suoi servi… Perciò abbiamo motivo di sperare che per amore loro Dio ci amerà. (Coste, (XI, 392ss.).</p>

<p style=”text-align: justify;”><strong>Preghiera</strong>: O Salvatore delle anime nostre…. stampate nei nostri cuori la carità, affinché un giorno possiamo raggiungere quella bella Compagnia della Carità che è in cielo… Fate dunque, o Signore, che siano tutte piene di amore per Voi, per il prossimo e tra loro.</p>

[Coste X, p. 475]

<strong> </strong></td>

</tr>

<tr>

<td style=”text-align: justify;” colspan=”2″ width=”756″><em><strong>Sono i poveri presenti nella nostra preghiera? Ricordiamo i loro volti, le loro situazioni e i loro bisogni?</strong></em></td>

</tr>

<tr style=”text-align: justify;”>

<td colspan=”2″ width=”756″><em><strong>Se San Vincenzo fosse presente oggi, come interpreterebbe la situazione attuale alla luce del Cristo che ha seguito? Come risponderebbe alla nuova situazione alla quale dobbiamo fare fronte oggi? Quali scelte farebbe?</strong></em></td>

</tr>

<tr>

<td colspan=”2″ width=”756″>

<hr />

<p style=”text-align: justify;”><em>Testi presi dalla Riflessione 2 per il 350esimo anniversario della morte di San vincnezo e Santa Luisa, “Spiritualità Vincneziana – un incontro con Cristo nel Povero”, Luigi Mezzadri,cm.</em></p>

</td>

</tr>

</tbody>

</table>