La santita’ dei piccoli passi

La santita’ dei piccoli passi

La costituzione Lumen Gentium lancia una chiamata alla santità universale. Papa Francesco sottolinea che «questa santità a cui il Signore ti chiama crescerà attraverso piccoli gesti» (Gaudete et exultate, 16).

Ecco un bellissimo incontro che rivela questo cammino verso la risurrezione.

Questa mattina ho visitato una clinica per incontrare una giovane coppia che aveva appena perso il loro bambino. La madre avrebbe partorito dopo una gravidanza normale ma poche ore prima di farlo, suo figlio è morto … Come si può immaginare un evento così tragico? La culla pronta rimarrà vuota

Dalla sua dipartita di tre giorni fa, la madre non riusciva a dormire. Suo marito non è un credente ma rispetta la fede di sua moglie. Sono venuti alla cappellania per preparare una celebrazione d’addio e per onorare la loro figlia. «Dobbiamo farlo per lei, accompagnarla fino alla fine». Erano molto attenti l’uno all’altra. Traspare la bellezza del loro amore, i loro sguardi, i loro gesti, le loro parole sono segnate da una profonda tenerezza. Sono in una tempesta emotiva che è così violenta ancora … si sostengono a vicenda.

Vogliono prendere tempo per leggere i testi, per preparare questo tempo di meditazione con la famiglia. Di fronte all’incomprensione e al dolore, non si ribellano: «non siamo arrabbiati». Si uniranno ad un’associazione che accompagna i genitori che sono in lutto perinatale. Questi genitori sofferenti sono scossi dalla tragedia vissuta da altri che, come loro, hanno perso un bambino non ancora nato.

Questa coppia, così devastata e così dignitosa, porta la luce del Vangelo. Il loro amore è quello di Maria e Giuseppe, totalmente donati l’uno all’altra e aperti a qualsiasi offerta di vita. La loro umiltà è quella del Centurione, quando permettono ai loro cuori spezzati di essere toccati da altri genitori che provano lo stesso dolore. La loro accettazione di questa indicibile prova è quella di Maria che sta ai piedi della Croce e riceve il corpo del suo Figlio senza vita.

Il loro cammino di santità è quello di piccoli passi, passi fatti nella certezza della promessa della vita oltre la morte.

Papa Francesco ci invita a questo stesso percorso nell’esortazione apostolica: Gaudete et exultate:

«In fondo, la santità è vivere in unione con Lui i misteri della sua vita. Consiste nell’unirsi alla morte e risurrezione del Signore in modo unico e personale, nel morire e risorgere continuamente con Lui. » (nr 20)

 « È Cristo che ama in noi, perché «la santità non è altro che la carità pienamente vissuta » (nr 21)