Testimonianza Vocazionale

Vocazione: dono, presente, festa e gioia

Sono nata in una famiglia semplice e povera, ma felice e ben disposta. Ci sono 9 figli nella mia famiglia: 6 maschi e 3 femmine. Sono cresciuta e ho vissuto in questa famiglia fino all’età di 22 anni.

Quando avevo 18 anni è stata organizzata una grande Missione nel mio villaggio – Nostra Signora delle Grazie – Estreito de Câmara de Lobos-Madeira, guidato dai sacerdoti del Redentore. Mi è davvero piaciuto. Fino ad allora, i miei sogni erano stati indirizzati al matrimonio e tutto stava andando in quella direzione.

Durante la missione, il sacerdote ci ha invitati ad un incontro di giovani e ho partecipato con entusiasmo. Il tema della Missione era concentrato sulla persona di Gesù; come Messia di Dio, come Signore dell’Universo e come Pastore. Con questo, il Padre ha voluto mostrare la grandezza del Regno e soprattutto il bisogno di molti operai per la messe. Questa presa di coscienza ha aperto gli occhi per vedere oltre! Gesù ha suscitato in me molte domande e profondi turbamenti. Mi ha fatto pensare molto! Inoltre, mi sono chiesta, cosa vuole da me il Signore Gesù? Al mio ritorno a casa, ho detto ai miei genitori e ai miei fratelli l’idea di diventare un giorno consacrata. La reazione non è stata benevola, ma l’invito di Gesù era molto più forte! Inoltre, Gesù ha vinto la sfida del cambiamento!

Dopo un tempo di profonda riflessione è arrivato il momento della decisione. Dopo i 22 anni, ho deciso di chiedere la mia ammissione alle Figlie della Carità di San Vincenzo de ‘Paoli. Sono andata da Suor Isabel Valente, suor Servente dell’Ospizio che ha accettato la mia richiesta e mi ha detto di aspettare un po ‘per la risposta. Ho simpatizzato con l’idea! Nel settembre dello stesso anno, sono stata invitata a iniziare l’aspirantato che è durato sette mesi nel Preventorio da Parede, casa per bambini, figli di genitori malati di tubercolosi. Il 2 settembre 1971 ho iniziato il mio Postulato, che è stato molto lungo! Circa 2 anni. Ho passato il maggior numero di case nella Provincia. Ho imparato molto, in ogni modo. Tutto questo tempo del postulato è stato un periodo di lotta interiore, dubbi e incertezze, ma anche di grande gioia.

Il 21 novembre 1973, sono entrata nel Seminario di Lisbona con altre otto giovani, animate dalla chiamata del Signore e arricchite da esperienze bellissime ed esperienze felici e gioiose. Questo stadio del seminario è stato un momento di riflessione interiore. Era un nuovo tempo caratterizzato dall’incanto di Dio e dalla mia vocazione. Era tempo di creare passione per Gesù e per i poveri, amati da Dio. Mi ha anche portata a una relazione molto intima e salutare con Gesù e le sorelle.

Provincia del Portogallo
Sr. Maria da Conceição Silva FdC