Giornata internazionale delle ragazze

Suor Germaine Price, rappresentante della Compagnia delle Figlie della Carità all’ l’ONU, ci comunica le notizie da New York:

[ONU-ONG] L’assemblea Generale delle Nazioni Unite ha proclamato l’11 ottobre la Giornata Internazionale delle ragazze che sarà celebrata per la prima volta nel 2012. Si tratta di una giornata che mira a riconoscere i diritti delle ragazze e ad aiutarle ad affrontare le sfide che nel mondo si trovano a dover fronteggiare. Questa giornata internazionale intende, inoltre, promuovere le pari opportunità per le ragazze.

In questa importante occasione i membri delle Nazioni Unite (ONU) riconosceranno collettivamente, per la prima volta, il matrimonio precoce come violazione dei diritti umani.  Il vasto potenziale delle ragazze e delle giovani donne potrà solo essere riconosciuto solo quando saranno considerate e affrontate le conseguenze del matrimonio dei bambini. Varie attività come, ad esempio, una mostra speciale sul matrimonio infantile promossa dal fondo delle Nazioni Unite per il supporto delle popolazioni in situazioni di crisi (UNFPA), sono state organizzate presso la sede delle Nazioni Unite per sensibilizzare ed incoraggiare il patrocinio e l’azione.

     

La giornata è anche un’occasione importante per gli Stati membri , partner delle Nazioni Unite, per la società civile e il settore privato affinché si  impegnino collettivamente per generare nuovi elementi di prova  e di conoscenza per discutere contro il matrimonio precoce.

 Il matrimonio precoce è solo una delle ragioni per cui sosteniamo la giornata delle ragazze, nonostante esistano  miliardi di altri motivi. La storia dimostra che non è mai stato facile essere una ragazza e che, nonostante i cambiamenti notevoli dello status e della percezione delle donne e delle ragazze, la situazione delle donne è ancora complicata ed impegnativa. Altre ragioni possono essere le limitate opportunità di istruzione, l’analfabetismo e l’abbandono scolastico, la violenza fisica e sessuale, la mancanza di modelli comportamentali, il lavoro forzato e le opportunità di lavoro limitate, il traffico delle donne, le immagini negative dei media e, soprattutto, la disuguaglianza.

Le ragazze stanno chiedendo pari opportunità in tutto: vogliono prendere le proprie decisioni e partecipare alle questioni familiari e comunitarie che riguardano la loro vita. Tutti questi problemi e molti altri ostacolano una piena partecipazione delle ragazze nel mondo in cui vivono.

Siete invitati a partecipare alla Giornata Virtuale del summit per le ragazze: 11-10-2012 a DAYOFTHEGIRLSUMMIT.COM

Per ulteriori informazioni, visitare: dayofthegirl.com

Per maggiori informazioni sulla Compagnia delle Figlie della Carità all’ONU: http://www.cmdcngo.org/

Views: 1.280