Sessione Internazionale di Ripresa Spirituale e Vincenziana per le suore dagli 11 agli 24 anni di vocazione

Picture italian article[Casa Madre] La sessione internazionale di ripresa spirituale e vincenziana vissuta a Parigi è stata come un anticipo della Pentecoste: eravamo 87 Figlie della Carità provenienti da 47 Paesi diversi e siamo convenute in Casa Madre, ciascuna con il proprio bagaglio di esperienza, cultura, speranze e attese. Insomma, ciascuna con tutta se stessa.

Abbiamo condiviso un periodo di studio, di lavoro e di visite, facendo un’immersione piena nel carisma vincenziano, accompagnate da confratelli e consorelle che ci hanno aiutate ad approfondire il tema della fede, spezzando il pane del nostro carisma, ma soprattutto abbiamo condiviso la nostra appartenenza comune alla Compagnia, il nostro essere donne tutte date a Dio, in comunità, al servizio di Cristo nei Poveri.

Le nostre tante diversità si sono amalgamate in un clima sereno di fraternità autentica e di gioia e, come quel mattino a Gerusalemme, siamo riuscite a comunicare tra di noi, a volte con le parole, a volte con i gesti, o anche semplicemente con uno sguardo o un sorriso o un gesto di attenzione e di gentilezza.

E’ stata un’esperienza di grazia che, oltre a rinnovarci nel nostro carisma vincenziano, ci ha fatto sperimentare la bellezza di appartenere ad una Compagnia che è presente in ogni parte del mondo accanto a fratelli che vivono diverse fragilità.

Lavorando nei gruppi abbiamo condiviso con semplicità ed autenticità le nostre esperienze di fede, di servizio, i nostri sogni e le nostre preoccupazioni. E’stato bello poter ascoltare l’esperienza diretta di chi vive in Paesi martoriati da guerre, persecuzioni e povertà (materiale e spirituale) nei quali le FdC sono chiamate ad essere un segno di speranza per la gente che incontrano.
La liturgia e la preghiera erano i momenti in cui abbiamo potuto assaporare la bellezza e la ricchezza delle varie culture, lingue, tradizioni, espressione più forte della ricchezza dell’unità nella diversità, insieme, all’unisono ad elevare la nostra lode al Signore della Vita.

La sessione è stata più breve di altre, ma non sono mancate le visite e le celebrazioni nei luoghi vincenziani. Abbiamo avuto la Grazia di celebrare l’eucaristia nella Chiesa di San Lazzaro, nella parrocchia di S. Medard dove ha vissuto e operato la Beata Rosalia Rendu, la chiesa di S. Nicolas de Champs e la cattedrale di Chartres in cui, seguendo le orme di S. Luisa, abbiamo affidato la nostra Compagnia, con un ricordo particolare per la nuova Provincia San Vincenzo Italia, ormai imminente.

I tempi più intensi di preghiera li abbiamo vissuti nella Cappella delle Apparizioni, luogo di incontro privilegiato con il Signore e la Vergine. Rimanevamo sempre molto stupite dalla presenza numerosa e piena di fede di tanti pellegrini.

La gratitudine nel cuore è grande per aver potuto vivere questo tempo di grazia alla Casa Madre, siamo rientrate nelle nostre realtà sempre più felici di essere Figlie della Carità a servizio della Chiesa e dei Poveri del mondo intero. Tutto è grazia e tutto sia grazie!

 Il gruppo italiano delle Figlie della Carità 

Views: 2.120