Sessione Vincenziana Internazionale dal 30 agosto al 28 settembre 2013

session1[Casa Madre] Cinque sorelle provenienti dai quattro angoli della terra (Indonesia, India, Brasile, Nigeria) impegnate per un certo tempo nei vari servizi della Casa Madre, hanno messo insieme i loro “frutti” raccolti durante questa sessione:

“Per noi, è stato davvero un tempo favorevole per rinnovare ed approfondire la nostra fede e il nostro carisma vincenziano; abbiamo vissuto questo tempo con grande gioia e con la speranza di essere trasformate dallo Spirito Santo in vere e buone Figlie della Carità.

I pellegrinaggi alle sorgenti della Compagnia ci hanno aiutato a conoscere i luoghi in cui hanno vissuto i nostri Fondatori. Sono stati un’opportunità per confermare il nostro amore per il loro carisma. Ci siamo sentite immerse nella fede e nella spiritualità vincenziana e abbiamo sentito in modo pressante l’appello di rinnovare il nostro senso di appartenenza alla Compagnia per proclamare meglio il Regno di Dio ai poveri, suoi veri eredi.

Quello che ci ha colpito di più sono i documenti degli archivi, tutta l’eredità della Compagnia, iniziata da San Vincenzo e Santa Luisa. Questo ci dimostra che, nonostante le guerre, le rivoluzioni, le difficoltà politiche e sociali, lo spirito della Compagnia, lo spirito vincenziano, è sempre vivo nel servizio dei poveri. E’ davvero l’opera di Dio; Dio ama la nostra Compagnia! Abbiamo avuto la grazia di bere l’acqua pura, la saggezza delle nostre origini.

Le testimonianze di vita di San Vincenzo, Santa Luisa, le nostre prime suore, di Santa Caterina e anche dei nostri martiri della Spagna hanno commosso i nostri cuori: il loro amore incondizionato per Dio, la loro gioiosa accettazione della vita che è sempre una “battaglia”; tutti hanno vissuto molte difficoltà, sia nel servizio, sia nelle relazioni umane, sia nelle situazioni turbolente dei loro paesi. La fede nella Divina Provvidenza era la loro fonte di coraggio, luce sul loro cammino spirituale ed àncora delle comunità nascenti. La presentazione chiara sull’identità delle Figlie della Carità e dei loro voti, impegni fatti a Dio, ci ha profondamente interpellate.

In questa fede radiosa di tutti i Beati e Santi della Famiglia Vincenziana, troviamo la forza per il futuro, per la testimonianza della nostra fede e della carità verso i poveri che ci aspettano. Dio ama i poveri, e di conseguenza, ama quelli che amano i poveri, ha sottolineato San Vincenzo.

Dio ci ha creati per servire Cristo nei poveri, questa è la nostra missione, ci ha ricordato suor Evelyne, la nostra Superiore Generale. Secondo lei, la comunità ci aiuta a preservare la fiamma del carisma, per crescere nella nostra appartenenza alla Compagnia.

Siamo state veramente contente di incontrare le Figlie della Carità di tutto il mondo, tutte servono i poveri con lo stesso spirito. Inoltre, gli scambi nei gruppi, preceduti dalle riflessioni personali, sono stati per noi fonte di grande arricchimento.

Progressivamente, tante attese che serbavamo in cuore il primo giorno della sessione sono state realizzate. Vogliamo condividere i “frutti” di questa sessione, con tutte le persone che incontreremo lungo il nostro pellegrinaggio di fede accanto ai poveri.

Grazie con tutto il cuore e grazie a Dio che era con noi e ci ha guidato durante questa sessione”.

Suor Brigita, Suor Mary Juliet, Suor Rani, Suor Scholastica e Suor Valdirene

 session2  session3  session4
Views: 2.350