Vivere la reclusione dalla reclusione

[Provincia di Spagna-Sud]  ♦Dalla Pastorale Penitenziaria ci raccontano quei giorni di massima allerta sanitaria per i reclusi dei Centri Penitenziari.

Il confinamento che abbiamo vissuto per settimane a causa della pandemia ci ha insegnato a valorizzare situazioni e comportamenti che, giorno dopo giorno, attraversano la nostra vita senza che diamo loro l’importanza che hanno. Uno di essi, la libertà di movimento e con essa uscire ed entrare quando vogliamo, incontrare familiari e amici, poter scegliere dove andare e quando. In questo modo ci mettiamo, per alcuni giorni, nella situazione di chi soffre questa privazione: i detenuti dei penitenziari.

Suor Mª Dolores de Bethencourt fa parte dell’Equipe responsabile della Pastorale Penitenziaria e, attraverso la sua testimonianza, cerchiamo di “metterci nei panni” di coloro che hanno vissuto la reclusione durante il periodo di confinamento.

♦ Come è stata vissuta la situazione di pandemia e reclusione dalle carceri della provincia di Las Palmas?

Ebbene, come in tutti i Centri del territorio nazionale, le norme emanate dalle autorità sanitarie, sono state rafforzate dalle Istituzioni Penitenziarie. I reclusi confinati nelle loro celle, vivevano al loro interno, senza avere contatti con le celle degli altri detenuti; erano vietate le comunicazioni familiari, l’ingresso di pacchi, soldi dalla finestra … Tutte le attività erano chiuse, ovviamente per noi, come per tutte le ONG, l’ingresso al Centro era chiuso, quindi non abbiamo avuto celebrazioni domenicali, catechesi, ecc. …

♦ Per alcune settimane di reclusione abbiamo potuto provare da vicino ciò che comporta la privazione della libertà…. Come è stata valutata dall’interno questa semi-reclusione di coloro che erano fuori, dai reclusi e dai volontari della Pastorale Penitenziaria?

I detenuti hanno passato un periodo molto brutto, totalmente isolati dal mondo esterno, a volte senza sapere nulla delle loro famiglie. È vero che il Centro disponeva di telefoni cellulari in modo che chi lo richiedeva potesse effettuare videochiamate alla propria famiglia (con controllo orario), e questo ha contribuito a generare un po ‘di tranquillità. Dobbiamo valutare che, nonostante il sacrificio, le cose sono state fatte bene, non essendoci casi positivi Dobbiamo valutare che, nonostante il sacrificio, le cose sono state fatte bene, poiché non c’è stato alcun caso positivo di cui preoccuparsi   nella comunità carceraria.

♦ In che modo i volontari sono rimasti in contatto e com’è stato e com’è il follow-up dei centri penitenziari?

I volontari soffrivano a casa senza poter fare “niente”. Siamo riusciti a stabilire un rapporto telefonico settimanale con i responsabili del Centro, i quali ci informavano di come era la situazione, e ci hanno chiesto alcune risorse come vestiti e denaro in modo che i detenuti potessero acquistare una scheda telefonica per poter almeno contattare le loro famiglie.

Nella fase 3 le porte non sono state aperte, siamo entrati solo io e il Cappellano, ma solo per colloqui individuali con chi ne ha fatto richiesta, dato che i moduli non erano ancora ammessi;  è stata fatta progressivamente una riduzione delle visite.

♦Quest’anno si terranno i soliti spettacoli per il festival della Mercede?

Al momento sembra di no, le Celebrazioni domenicali non sono ancora riprese, speriamo di iniziare a breve, con presenza ridotta; E dal poco che ancora si sente dire, riteniamo che i festeggiamenti in onore della Vergine della Mercede quest’anno saranno sospesi.

♦ Cosa ha imparato la Pastorale Penitenziaria da questa pandemia?

La situazione di semi-libertà che abbiamo vissuto, ci ha aiutato a riflettere e prendere coscienza di quanto duro e difficile possa essere la “reclusione” per i nostri detenuti che vi sono sottoposti permanentemente. Questo ci ha portato a metterci nei loro panni e a capire meglio la loro dura realtà. Ci ha aiutato molto del materiale di preghiera e formazione che la Delegazione nazionale ci ha inviato settimanalmente: ci ha aiutati “a mantenere viva la fiamma del Ministero Penitenziario”.

♦ E come affronterete la “nuova normalità” nella vostra programmazione per il prossimo anno accademico?

Ci auguriamo di avere presto l’incontro della Commissione permanente e che i programmi si svolgano nei tempi e nei luoghi stabiliti.

Intervista a Sr M Dolores de Bethencourt, FdC.
Provincia Spagna-Sud

Views: 254