Leadership del Servo; “Servire, non essere servito” Mt 20.28

VSC West head[Provincia di Los Altos Hills, USA] Vincentian Service Corps: un anno di servizio fa la differenza per tutta la vita. Suor Alicia Martin, F.d.C. ha animato il Weekend  di riflessione di gennaio per gli attuali membri del VSC occidentale (Vincenziana Service Corps West). Ha esplorato il “cuore e il comportamento” dei nostri otto membri che stanno facendo un anno di servizio nei loro rispettivi ambienti a San Francisco e a Los Angeles.

Secondo John Greenleaf, le convinzioni  filosofiche e le pratiche della Leadership del Servo arricchiscono la vita delle persone, li rendono più organizzati e, infine, creano un mondo più giusto e solidale. Le caratteristiche chiave di un leader Servo sono l’ascolto, la guarigione, l’empatia, la consapevolezza, la persuasione, la visione, la lungimiranza, la gestione, l’impegno per la crescita delle persone, e la costruzione della comunità. Per imparare e vivere queste qualità occorre una vita, non solo al di là di pensionamento, ma proprio fino all’ultimo respiro.

Santa Luisa de Marillac ha detto alle sue Sorelle “Se Dio ti ha portato ad esso, egli ti vede in esso”. San Vincenzo de Paoli ha inoltre ricordato alle Suore e ai suoi confratelli sacerdoti di tener presente che occorre “prima dare il cuore e poi compiere il lavoro”. Le parole di incoraggiamento di Vincenzo si riferiscono sempre al primo leader Servo, Gesù, che ha agito con molta prudenza e circospezione, caratteristico della leadership in cui eccelleva.

VSC West team 1I membri del VSC occidentale, nonostante la loro giovinezza, hanno un desiderio naturale di servire gli altri. Molte persone sono stupite di sapere e vedere che questi “Millennials” (nati nel 1982 o più tardi) hanno un alto senso di disponibilità a sacrificare loro interesse personale per il bene degli altri, in quanto si impegnano a fare un anno di servizio-volontariato, dopo la laurea. Questo può sembrare difficile da capire data la realtà dei crediti universitari che hanno sostenuto. Nel 2012, il CVN (Rete dei  volontari cattolici) ha commissionato al CARA (Centro per la Ricerca Applicata all’Apostolato) di fare uno studio per capire e documentare l’impatto che questo volontariato esercita sugli alunni. Lo studio ha riportato che il 92% dei quasi 25.000 che ha partecipato, ha detto che la giustizia sociale è un valore importante nella loro vita. Premesso che questo studio ha preso in considerazione chi ha prestato servizio in passato, questi giovani adulti hanno assunto un ruolo guida nel modellare l’importanza di diventare visionari : sognare  e indicare la strada ad altri che seguiranno. (Da notare: Più della metà degli ex volontari che hanno partecipato allo studio sono nati nel 1984 o dopo).

Più che mai, tutti i leader servi devono suscitare la fiducia di coloro che servono. Per passare dalle parole ai fatti non è facile. Sia che siamo al servizio o siamo serviti, abbiamo bisogno di comunicare la visione e la missione delle nostre organizzazioni per costruire comunità. S. Vincenzo ha aiutato le persone spiritualmente, professionalmente e personalmente. Vedeva il bene in chi serviva e in quelli che servivano con lui. NOI FACCIAMO LO STESSO?

Sr Frances Vista, FdC, Direttrice

VSC West team 2

Tutte le idee, i pensieri, le citazioni, sono stati presi da: * Greenleaf; Leadership del Servo: Un viaggio nella natura del potere legittimo e grandezza, 1977, New York: Paulist Press * Scritti di S. Vincenzo de Paoli * Libri su St. Vincenzo de Paoli * Barbuto, John, Jr. e Wheeler, Daniel, “Diventare un leader servo: Avete ciò che serve?” * CARA, Centro per la Ricerca Applicata all’Apostolato, Volontario Introspettivo 2014

Views: 2.329