Le Figlie della Carità della Provincia del Nord Africa in pellegrinaggio a Ippona.

hippone8[Provincia del Nord Africa] In occasione del 100° anniversario dell’erezione a basilica della chiesa di S. Agostino c’è stato un pellegrinaggio e una celebrazione eucaristica il 2 maggio, a cui abbiamo partecipato. Per questa piccola comunità cattolica, in mezzo ai musulmani, è stata una cosa notevole poter celebrare la nostra fede con tanta solennità.

Ippona è un’antica città portuale romana dell’est dell’Algeria, vicino al confine con la Tunisia. È lì che S. Agostino ha scritto le sue grandi opere, è stato pastore, giudice ed avvocato per i poveri, e servitore della Chiesa. La sua filosofia e teologia si sono irradiate da lì per molti secoli. Questo illustre vescovo ha attraversato la Numidia e ha partecipato ai grandi dibattiti ecclesiali del 4° secolo a Cartagine. Molti anni prima era nato in terra algerina a Tagaste in Numidia, oggi Souk-Ahras. Figlio di un patrizio romano e di madre berbera, ha studiato e insegnato nella sua terra nativa prima di recarsi a Milano e continuare la sua brillante carriera in retorica. Una volta scoperto l’amore di Dio, non ha mai smesso di cantare il Dio d’Amore con la sua intera esistenza.

In cima al colle di Ippona (oggi ANNABA) si trova la basilica di S. Agostino, recentemente restaurata. È qui che abbiamo fatto il pellegrinaggio. Abbiamo lasciato la nostra casa di Costantinopoli alle cinque e mezza del mattino per unirci ai pellegrini delle piccole comunità dell’Algeria, insieme a quelli della Francia, dell’Italia e altri. Tutti sono venuti alla Festa per mostrare l’unità e l’universalità della Chiesa e il sostegno della nostra missione in una terra islamica, missione di dialogo, pace e amore di Dio per tutta l’umanità.

 hippone1  hippone2  hippone3

Gli studenti sub-sahariani, i cristiani del Paese, tutti i partecipanti hanno fatto del loro meglio per fare di questo giorno un successo. I pellegrini sono stati accolti e si sono incamminati fino alla basilica, accompagnati dalla meditazione di sei testi di S. Agostino. La Messa è stata presieduta dal Cardinal Jean Louis Tauran, inviato speciale del Papa e presidente del Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso. Attorno all’altare c’erano anche il Nunzio Apostolico, il Cardinal Philippe Barbarin di Lione, il Vescovo Paul Desarges, vescovo di Ippona e Costantinopoli, i vescovi delle altre tre diocesi dell’Algeria, così come tre vescovi emeriti del Paese, due da Marsiglia e circa venti sacerdoti. Abbiamo cantato e celebrato la nostra fede e il Card. Tauran ci ha esortati a continuare nello spirito di S. Agostino a cercare la Verità, l’Amore e la Bellezza per il bene di tutta l’umanità. Detto in un altro modo, siamo chiamati a costruire un mondo più umano e più fraterno.

Uno spuntino ci ha dato l’energia di continuare la giornata con una conferenza sui lavori di restauro dell’edificio e dell’organo. È seguita una presentazione fatta da un professore musulmano che aveva conoscenza di S. Agostino – l’uomo e le sue opere. Il Card. Tauran ha fatto una conferenza sull’importanza del dialogo fra religioni, dicendo che per essere in grado di dialogare è necessario conoscere e capire la sofferenza degli altri facendola nostra.

Seguendo questo gigante della Chiesa vogliamo vivere come Figlie della Carità che testimoniano l’amore di Dio per i poveri che serviamo in questa terra di Nord Africa.

È parlando della Gerusalemme celeste che il Salmo 122 dice: ora i nostri piedi si fermano alle tue porte, Gerusalemme!

Coloro che vi entrano sono pietre vive” (S. Agostino)

Views: 1.939