Il processo di beatificazione di Sr Léopoldine, M. Josepha Brandis

161017 Josepha 3a[Provincia di Graz – Europa Centrale]
La richiesta è stata accettata dal vescovo della diocesi di Graz-Seckau, Austria il 16 settembre, 2016. Il Procuratore Generale P. Shijo Kanjirathamkunnel CM ha presentato la richiesta e la relativa documentazione in nome e alla presenza della Superiora Generale delle Suore di Maria della Medaglia Miracolosa, il nuovo Postulatore, Sr. Magda, Suora di Maria della Medaglia Miracolosa di Kiev (nominata dal nostro Superiore generale come la sua sostituta), Sr. Kristina, la segretaria, un traduttore e sr Christa per le Figlie della Carità. Andando avanti da tale data, “Madre Brandis” può essere invocata come “Serva di Dio”.

È stata distribuita un’immagine di Madre Brandis con una preghiera in sloveno, in croato e in tedesco; altre lingue seguiranno. Ella è un grande esempio di fede nella divina provvidenza, di amore per i poveri e di amore per l’obbedienza. “Se il buon Dio lo vuole, allora lo voglio anch’io!”, diceva spesso, così come: “Signore, fa’ della nostra comunità un solo cuore e possa essere sempre in accordo con il tuo cuore”, e ancora: “Signore, tu sai che tutto ciò che accadrà oggi, lo offro a te in anticipo, io ti lodo per tutte le sofferenze e tutte le gioie.”

Si stanno intensificando le ricerche e la classificazione dei documenti: i suoi scritti, le testimonianze, le lettere, gli elenchi delle missioni, anche se molti di questi documenti storici sono andati distrutti durante i bombardamenti del 1944-1945.

161017 Josepha 2Chi è Sr. Léopoldine, Madre Josepha Brandis (1815-1900)?

Ecco una breve biografia:

Madre Josepha è nata il 27 novembre 1815 a Graz. Nel 1837, guidata dal vescovo della diocesi, è entrata nella Compagnia delle Suore della Carità di San Vincenzo de’ Paoli a Monaco di Baviera. Nel 1841 le suore sono tornate a Graz per iniziare il servizio dei malati presso l’ospedale della città. Nel 1843, Sr. Léopoldine è diventata superiora generale delle Suore della Carità a Graz. Molte giovani donne hanno chiesto di unirsi a questa nuova comunità che serviva i malati.

Il suo desiderio di vivere secondo le regole originali di San Vincenzo della Compagnia delle Figlie della Carità è stata completata nel 1850/1851. Il gruppo di suore, che già contava circa 80 membri, si è unito alla nostra Compagnia e Sr. Léopoldine è stata nominata Visitatrice.

161017 Josepha 4Sr. Léopoldine si è impegnata nel servizio dei poveri per tutta la vita. I servizi si moltiplicavano così come le difficoltà. In risposta alla impossibilità di prendersi cura dei malati nelle loro case, ha fondato una specie di associazione di giovani donne per questo servizio. Questo è diventato l’inizio della fondazione delle Suore di Maria della Medaglia Miracolosa, riconosciuta come congregazione nel 1925.

Al momento della sua morte, la provincia aveva circa 2700 suore e 210 case. Ella è sepolta nella cripta della Casa Provinciale. Sr. Léopoldine rimane un fulgido esempio di fedeltà, obbedienza e carità.

Sr. Christa

161017 Josepha 3

Views: 2.128