“Acqua per la vita” Oltre il 2015

[ONU- ONG] Suor Germaine Price, rappresentante della Compagnia delle Figlie della Carità all’ l’ONU, ci comunica le notizie da New York:

Nel 2005 l’ONU ha dato l’avvio al decennio “Acqua per la vita, 2005-2015”. Quello che si è evidenziato nella revisione degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio e durante i preparativi per Rio 20, è che l’attenzione sull’ acqua e sui servizi igienico-sanitari deve continuare ad essere un tema centrale al fine di garantire a tutti uno sviluppo sostenibile. E’ destinato a diventare uno degli obiettivi di sviluppo sostenibile che convergerà le risorse locali, nazionali ed internazionali verso la creazione del “Futuro che vogliamo.”

L’Acqua è essenziale per la vita. Nessun essere vivente sul pianeta Terra può sopravvivere senza di essa. E’un prerequisito per la salute umana e il benessere, così come per la salvaguardia dell’ambiente. Tuttavia, quattro persone su dieci nel mondo non hanno accesso neanche ad una semplice latrina a fossa e quasi due su dieci non usufruiscono di alcuna sorgente di acqua potabile.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ogni giorni circa 3.900 bambini muoiono a causa dell’acqua sporca o della scarsa igiene; le malattie trasmesse attraverso l’acqua o gli escrementi umani sono la seconda causa di morte dei bambini di tutto il mondo, dopo le malattie respiratorie. Mancanza idrica, scarsa qualità dell’acqua e servizi igienici inadeguati hanno un impatto negativo sulla sicurezza alimentare, sui mezzi di sostentamento e sull’opportunità educativa per le famiglie povere di tutto il mondo.

 

Per maggiori informazioni sulla Compagnia delle Figlie della Carità all’ONU:  www.cmdcngo.org

Views: 1.446