Con coraggio e audacia missionaria:una risposta alla pandemia da COVID-19

[Provincia della Nigeria] Le Sorelle della Provincia della Nigeria (in servizio in Burkina Faso, Ghana e Nigeria) hanno partecipato in vari modi alla lotta contro il coronavirus.

Fra questi vi sono:

  • Campagne di sensibilizzazione sulla prevenzione dall’infezione da corona virus attraverso dimostrazione pratica.
  • Acquisto e distribuzione di cibo ai poveri.
  • Acquisto di materiali e produzione di mascherine per le famiglie povere e gli operatori sanitari per aiutarli a proteggersi.
  • Produzione e distribuzione di disinfettanti per le mani alle famiglie e negli ospedali.
  • Distribuzione dei volantini delle misure precauzionali e di sicurezza dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.
  • Acquisto e distribuzione di rubinetti in gomma ad alcune famiglie che non hanno acqua corrente; dimostrazione di come usarli per lavarsi le mani frequentemente.
  • Mentre le Sorelle si dedicavano a creare consapevolezza, hanno scoperto che oltre alle paure e all’ansia che questo virus ha portato all’umanità, c’è anche tanta fame sulla terra; si sono trovate faccia a faccia con persone affamate di cibo e questo le ha portate a propugnare la causa presso il governo al fine di ottenere cibo per la gente. La risposta del governo è minima, ma non ci arrendiamo.
  • Cucinare il cibo e dare da mangiare a chi è in strada: i malati di mente, i senzatetto, i bambini di strada, i mendicanti, ecc.

Vediamo questo tempo come una grande opportunità che Dio ci ha dato per cercare i più abbandonati nelle loro case, con coraggio e audacia missionaria. Questo periodo di identificazione con i poveri e le persone vulnerabili ci ha aiutato a riflettere di più e ad apprezzare l’amore di Dio per noi. È una grande gioia servirli. Alcune Sorelle vanno a condividere il cibo con la gente per strada, altre lo portano a un certo numero di famiglie in zone povere, ma sempre con misure di protezione basate sulle linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e del Governo Federale.

Quasi tutte le comunità della Provincia hanno preparato cibo per i poveri nelle loro case; alcuni hanno acquistato materiale per produrre mascherine e disinfettanti per le mani. La notizia dell’impegno delle Suore si è diffusa a coloro che erano nella fattoria; coloro che sono tornati nei villaggi hanno raccontato la loro storia di come hanno incontrato Dio che è buono e premuroso attraverso la gentilezza delle Figlie della Carità. Questo ha attirato più gente; le telefonate e i messaggi online vengono inviati alle Figlie della Carità per venire in aiuto alla gente e tutto ciò sta diventando travolgente.

Con questo piccolo gesto siamo riusciti a raggiungere circa 7.830 persone, tra cui bambini in Nigeria, Ghana e Burkina Faso. Ringraziamo Dio per averci dato l’opportunità di far sorridere molte persone e ringraziamo anche i nostri collaboratori e donatori che hanno sostenuto la nostra risposta.

La condivisione è ancora in corso, è in corso perché i poveri devono essere serviti. Che la Provvidenza di Dio ci preceda nel raggiungere coloro che vivono in povertà!

Suor Teresa EKE, DC

Views: 1.161