I leader mondiali parlano di pace e di vita dignitosa per tutti

[UN-NGO] Suori Margaret O’Dwyer e Catherine Prendergast, rappresentante della Compagnia delle Figlie della Carità all l’ONU, ci comunica le notizie da New York:

I leader mondiali si riuniranno a New York dal 12 al 25 settembre 2017 per la 72esima sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite. I Presidenti ed Primi Ministri saranno presenti per quello che viene chiamato il «dibattito generale», che inizia martedì 19 settembre. Durante questo dibattito, i leader proporranno delle riflessioni sul tema: «Lottare per la pace e una vita dignitosa per tutti su un pianeta sostenibile».

L’Assemblea Generale sceglie ogni anno un leader per presiedere le sue riunioni lungo tutto l’anno. Il presidente di quest’anno è il sig. Miroslav Lajčák, ministro degli Esteri e degli affari europei per la Slovacchia. A settembre sostituirà il presidente uscente Peter Thomson, diplomatico fiammingo. Questa è la prima volta che viene scelto un slovacco per questo posto.

Nel suo discorso di investitura nel mese di maggio, il Presidente eletto della prossima Assemblea generale ha messo l’accento sulle sei priorità che egli desidera difendere durante il suo mandato.   

  1. Avvicinare le Nazioni Unite ai popoli. «È un compito fondamentale per l’Assemblea generale in quanto rappresenta l’organo più rappresentativo per intensificare i suoi sforzi», ha detto. «Questo dovrebbe fare una vera e propria differenza nelle vite della gente comune».
  2. Mettere l’accento sulla prevenzione e sulla mediazione per una pace sostenibile.
  3. La priorità sarà la migrazione e il processo in corso del Patto mondiale per la migrazione. «La migrazione non è un problema stagionale e regionale a breve termine», ha detto. «È una questione gobale e generazionale molto complessa che richiede un’attenzione mondiale».
  4. approfondire la questione degli obiettivi di sviluppo sostenibile e del clima, con particolare attenzione alle esigenze dei paesi meno sviluppati e dei piccoli Stati insulari in via di sviluppo.
  5. «La mia quinta priorità sarà la questione dei diritti umani», ha insistito, precisando che non ci può essere pace e sviluppo senza rispetto della dignità e dei diritti fondamentali di tutti .
  6. Infine, egli ha messo l’accento sulla «qualità» del lavoro delle Nazioni Unite, spiegando che egli si sarebbe occupato di far partecipare maggiormente i paesi più piccoli a tutti i lavori che arriveranno sotto la sua presidenza.

Il sig. Lajcak ha inoltre ribadito che, senza dubbio, la questione della riforma delle Nazioni Unite che è stata menzionata più sovente è la composizione del Consiglio di sicurezza, il cui obiettivo è di renderlo un organismo in linea con le nuove realtà globali del XXI secolo.

In preparazione alla 72° Assemblea generale, le Nazioni Unite hanno pubblicato diversi documenti che concernano la realizzazione dello sviluppo sostenibile. Essi comprendono l’educazione per lo sviluppo sostenibile, l’ambiente e lo sviluppo sociale, come il tener conto dell’invecchiamento della popolazione. Molte altre questioni verranno affrontate durante l’Assemblea generale.

 Per maggiori informazioni sulla Compagnia delle Figlie della Carità all’ONU: www.cmdcngo.org

Views: 957